Interventi

Chi siamo

Kairòs è una comunità e una rivista culturale. È un racconto del mondo a più voci e da prospettive multiple. L’anelito a conoscere, comprendere, imparare, dialogare, interpretare, testimoniare, lottare, esserci, resistere prende forma di parole. Le parole sono relazioni, le relazioni sono umanità, l’umanità è stare nel mondo. Interrogarsi. Porre domande. Insistere con ostinazione. Dare un valore e cercare un senso e una direzione nel campo aperto. Le parole sono bussole e i pensieri costellazioni. Kairòs è nata cinque anni fa da un desiderio e da una necessità di un professore e di un manipolo di giovanissimi studenti di un liceo di provincia, il Brunelleschi. La volontà di creare un luogo di espressione e di vicinanza, dove poter dire, scrivere, confrontarsi sul caos del divenire e della storia, ha mosso gli inizi. Ed è ancora volontà viva. Kairòs ha percorso strade in questi anni, esplorazioni, farneticazioni, provocazioni, vocazioni, intenzioni, progetti cocciuti e fallimenti inevitabili sono stati attrazioni magnetiche e tentativi di essere liberi. Kairòs non è più l’allegato a un giornale d’Istituto, rivista nata clandestina e sotterranea, adesso la sua comunità sa di essere e vuole essere. E dire, dire ancora, ancora dire le sue parole, che sono idee di mondo, ripiegamenti interiori e spinte teoretiche. Il gruppo di Kairòs ha tenuto anche seminari, coltivato progetti, presentato i suoi lavori, “nella realtà”, collaborando con Epochè e con Wojtek. Kairòs ha un nucleo di scrittori originari, giovanissimi, che fanno dell’amicizia un modo per annientare l’isolamento e un atto d’amore, declinando l’amicizia in una lingua antica. Kairòs ospita anche gli scritti di ex studenti liceali, professori, universitari, dottorandi, poeti e intellettuali. La rivista non è monografica ma raccoglie temi multiformi di campi diversi: letteratura, filosofia, arte, scienza, politica, storia, cinema. Kairòs viene editata in centoventi copie cartacee, impaginate e illustrate dal genio creativo di Mila Sapph, che ha prodotto il primo numero all’età di quindici anni. Kairòs è il tempo dell’occasione, in cui il fluire degli eventi e la decisione umana si incontrano e di questa etimologia noi abbiamo fatto il nostro modo d’essere. Kairòs è Maria, Mila, Emma, Fabiola, Laura, Adelaide, Salvatore, Pasquale, Matteo, Ernesto, Antonio, Nicola, Roberto, Vincenzo.